Fondato e diretto da Stefano Missio e Francesco Gottardo

  EN  |  ES  |  FR  |  RU 

Anno XVIII, 19 novembre  - 3 dicembre 2017

Home Page | Notizie | Festival | Proiezioni | Set | Tecnica | Pubblicazioni | Formazione | Video | Archivio

 Iscriviti alla mailing list

 Nome/Nick

 Cognome

 Professione

 E-mail*

* obbligatorio

 Proiezioni
A noi ci dicono di Ludovica Tortora de Falco
Il futuro è troppo grande di Giusy Buccheri e Michele Citoni
 Scadenze
24 novembre

Cinéma Du Réel

30 novembre

Krakow Film Festival

SouthEast European Film Festival

Sheffield Doc/Fest

1 dicembre

Bergamo Film Meeting

It's All True

CPH:DOX - Copenhagen International Documentary Film Festival

4 dicembre

DocsBarcelona

8 dicembre

TIDF, Taiwan International Documentary Festival

15 dicembre

Full Frame Documentary Film Festival

International Documentary Film Festival Munich

21 dicembre

Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina

31 dicembre

IndieLisboa

Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina

3 gennaio 2018

Visions du Réel


IDFA 2017

Dal 15 al 26 novembre si svolge l’IDFA, uno dei più importanti festival europei dedicati al cinema documentario, si tiene ogni anno ad Amsterdam dal 1988. Oltre alla proiezione di film internazionali e alle anteprime presenti ogni anno, l’IDFA ospita anche dibattiti, forum e workshop.

http://www.idfa.nl


Documentaria

Cinque i giorni in cui si snoderà l'edizione 2017 di Documentaria, Festival del Cinema Documentario a Noto, dal 13 al 17 dicembre. Sei saranno i film selezionati per il concorso “Visioni dal reale” in programma al Teatro Tina Di Lorenzo di Noto alla presenza degli autori e autrici. Nel programma ci sarà anche un Focus Day, dei workshop di Alta Formazione e una Retrospettiva incentrata su una figura chiave del documentario italiano. Questi i workshop previsti per questa edizione: un workshop di regia “L’inarrestabile evoluzione della “Camera Stylo” tenuto da Antonio Martino, un Workshop di montaggio di cinema documentario a cura di Corrado Iuvara, FAKE! Workshop sul falso documentario a cura di Scuola Fuorinorma / Canecapovolto, “Copyright, Creative Commons e le nuove frontiere della distribuzione digitale indipendente”, seminario a cura di Distribuzioni dal basso. Vi ricordiamo che per partecipare bisogna iscriversi online entro il 10 dicembre.

http://www.documentarianoto.it


Dodici film ritrovati a Este

Dal '59 al '71 si organizzò ad Este il  “Premio dei Colli”. Un concorso di rilevanza nazionale ed europea sul cinema d’inchiesta e il documentario, promosso e reso possibile da un fine operatore culturale, Turi Fedele. Fu una feconda stagione che portò ad Este i più importanti documentaristi e critici cinematografici e promosse una riflessione  ed un confronto approfondito sull'inchiesta filmata "un vero e proprio strumento di indagine, di diagnosi e di documentazione della realtà". Qualche tempo fa dodici pellicole e alcune bobine che parteciparono al Premio sono state ritrovate dopo essere rimaste chiuse per 40 anni in un armadio della scuola elementare di Prà, una frazione di Este. Digitalizzate, queste pellicole saranno proiettate al convegno in programma per i prossimi 25 e 26 novembre nel bellissimo chiostro di Santa Maria delle Consolazioni ad Este, convegno sul tema "Cinema e nuove tecnologie" al quale parteciperanno documentaristi, critici cinematografici e studiosi. Scarica qui l'elenco dei film ritrovati e maggiori informazioni sul convegno.

Il 25 e 26 novembre a Este (Pd) presso la Sala Grande delle Consolazioni in via Francesconi 2.


Settant'anni dopo due film ritrovati e sviluppati della II Guerra Mondiale

Le due pellicole, lunghe meno di tre minuti ciascuna, furono impressionate presumibilmente tra il luglio 1944 e la primavera 1945, in Veneto, sui Colli Euganei. Si intravedono una villa (Villa Selvatico Sartori) e un ospedale, forse usato anche come orfanotrofio: intrappolati nei fotogrammi, militari tedeschi che interagiscono, in momenti diversi, con la popolazione civile, un gruppo di suore, dei bambini. Le pellicole "orfane" furono consegnate a Home Movies – Archivio Nazionale del Film di Famiglia nel 2016, dopo che per lungo tempo erano state conservate nella cella frigorifera di un laboratorio di sviluppo romano, fino alla sua chiusura. Nessuno si ricorda dell'origine delle pellicole e di come siano finite nel laboratorio che per ragioni tecniche non ha mai potuto svilupparle. Dopo la sua chiusura sono state conservate da un privato, ex dipendente del laboratorio che le ha tenute sempre in un frigorifero. A settant’anni di distanza le bobine sono state sviluppate da Mirco Santi (Home Movies) e Guido Tosi (Found Film Photos) presso Punto Foto Group a Milano e successivamente digitalizzate in 2k presso il laboratorio La Camera Ottica e sono state mostrate per la prima volta a Bologna nell'ambito della X edizione di Archivio Aperto, la manifestazione che ogni anno apre le porte dello straordinario lavoro di Home Movies - Archivio Nazionale del Film di Famiglia, associazione che dal 2002 raccoglie, cura e cataloga quello straordinario bacino di memoria privata e pubblica che sono i film di famiglia.


Al Cineporto di Foggia “Realtà.doc”

TTorna al Cineporto di Foggia “Realtà.doc”, la rassegna sul cinema documentario alla terza edizione, con la confermata direzione artistica del regista Luciano Toriello e di Annalisa Mentana. I quattro incontri previsti in cartellone, in programma ogni giovedì dal 9 novembre al 14 dicembre alle 20.30 (ingresso libero fino a esaurimento posti), saranno come sempre un’occasione di dibattito sull’evoluzione del genere documentario, in modo particolare in Italia.

S’inizia, giovedì 9 novembre, con la proiezione del film “Castro”, che sarà introdotto dallo stesso regista Paolo Civati. La settimana successiva, giovedì 16, in collaborazione con l’Arci “Le Bigotte” di Foggia, toccherà alla pellicola “My Nature” di Massimiliano Ferraina e Gianluca Loffredo. Il film sarà proiettato alla presenza del protagonista Simone Di Giacomantonio. Per il penultimo appuntamento, giovedì 30, in visione il film “S Is For Stanley” di Alex Infascelli, presente in sala. Infine, giovedì 14 dicembre, sarà il regista Claudio Casazza a presentare il suo film “Un Altro Me”.


The Unfinished Prize

Wide Open Road Coffee Roasters, The Saturday Paper e AIDC hanno il piacere di annunciare il nuovo premio per il documentario "Unfinished" che supporta opere di non fiction. Del valore di 50.000 dollari australiani, il premio sarà assegnato al miglior pitch per un documentario lungometraggio in sviluppo. Per partecipare a The Unfinished Prize, i filmmakers possono iscriversi a partire dal 4 ottobre con una scadenza per la presentazione il 18 dicembre. Per le linee guida, termini e condizioni, visitate il sito web AIDC alla pagina

https://www.aidc.com.au


Sheffield Doc/Fest 2017

Dal nostro inviato Paolo G. Sulpasso

Dal 9 al 14 giugno le strade di Sheffield si sono colorate di arancione. La 24a edizione dello Sheffield Doc/Fest ha letteralmente invaso la città inglese occupando cinema, musei, piazze e palazzi. La seconda edizione sotto la direzione di Liz McIntyre. (...) Numerose e notevoli le opportunità di incontro al Festival, tra cui: Walter Murch (il montatore de Il Padrino, Apocalypse Now, Il Paziente Inglese) che ha raccontato la sua esperienza di montatore e gli aspetti specifici per affrontare il montaggio di un film documentario; Peter Greenaway che ha parlato del suo lavoro di regista e delle forme che l’arte può prendere in risposta ai cambiamenti socio politici; Stacey Dooley, che con la sua serie su BBC3  (Stacey Dooley investigates) è riuscita ad avvicinare un pubblico giovane a tematiche politico/sociali; Jessica Brillhart che ha presentato i suoi ultimi lavori nel campo VR, un nuovo passo verso la creazione di un linguaggio per questo nuovo mezzo di comunicazione. A sorpresa un incontro con Oliviero Toscani. Continua in Notizie.

 

Guarda qui il foto reportage dal festival.

Guarda qui i nostri video dal festival.

La rubrica di Virgilio

di Virgilio Tosi

La chiusura dell'istituzione tedesca IWF, centro di eccellenza mondiale del cinema scientifico

"Nel 2012 in Germania è stato soppresso l'IWF (Institut für den Wissenschaftlichen Film), ovvero l’Istituto del Film scientifico di Gottinga, un ente statale finanziato interamente dal governo e dalle regioni (Länder) della Germania federale. Già negli anni '30 erano sorti in Germania laboratori di tecniche cinematografiche speciali allo scopo di produrre film scientifico-didattici per le università e di collaborare anche con altri istituti di ricerca alla produzione di film in settori che richiedevano l'uso di tecniche particolari. (...).

Critica doc

di Dante Albanesi

The Good Intentions

di Beatrice Segolini e Maximilian Schlehuber (Italia, 2016, 85’)

Se è vero che ogni famiglia è una rappresentazione che esclude il pubblico, The Good Intentions iniinizia con dei pupazzi in un teatrino, surreale presepe illustrato dalla voce della regista: Beatrice è una bambolina, i fratelli Stefano e Michele sono un toro e un cavallo, la madre e il padre sono due dinosauri. Il documentario diviene l’occasione per infrangere la quarta parete di questo palcoscenico segreto, scalfire il rimosso attraverso il potere salvifico della parola, spesso coadiuvata da sbiaditi filmini di famiglia. Uno stile che ha prodotto disturbanti capolavori come Tarnation di Jonathan Caouette e Must Read After My Death di Morgan Dews, fino all’opera di Caterina Klusemann o a Un’ora sola ti vorrei di Alina Marazzi. (...)

I documentari italiani in concorso al Torino Film Festival

Dieci sono i film in concorso al Torino Film Festival nella sezione italiana.doc. Ecco i nomi: '77 No Commercial Use di Luis Fulvio, Al di là dell'uno di Anna Marziano, Appennino di Emiliano Dante, Archipelago di Camilla Insom, Giulio Squillacciotti, Diorama di Demetrio Giacomelli, Nella golena dei morti felici di Marco Morandi, Racconti di cenere e lapilli di Gabriele di Munzio, Talien di Elia Mouatamid, Vento di soave di Corrado Punzi. Di questi autori, due li abbiamo incontrati nelle prececenti edizioni del TFF: vi riproponiamo qui la loro intervista: Anna Marziano, Emiliano Dante.


I vincitori di Frontdoc 2017

Dopo 5 intensi giorni di programmazione con 29 film in concorso provenienti da 16 paesi del mondo, si è conclusa l’edizione 2017 di Frontdoc Festival Internazionale del Cinema di Frontiera. Il Festival è organizzato da APA Vd'A (Associazione Professionisti dell'Audiovisivo Valle d'Aosta). La giuria internazionale ha assegnato il premio per il miglior Lungometraggio a Taste Of Cement di Ziad Kalthoum, Menzione speciale a Manic di Kalina Bertin. Il Premio per il Miglior Mediometraggio è andato a Per chi vuole sparare di Pierluca Ditano, mentre miglior Cortometraggio a Vieille femme a l’aiguille di Elodie Ferre.


Docu.emme, documentari a Merano

Un viaggio nella memoria lungo quasi cent’anni. I sei titoli in programma per la 17.ma edizione di Docu.emme coprono un arco temporale che va dalla prima metà del secolo scorso fino ai giorni nostri: parlano di e a noi, di come eravamo e di come siamo, di come sono cambiate le forme di socializzazione e di quali sogni, quali desideri e di quali sofferenze vive il mondo oggi, soprattutto quello dei giovani. Come sempre in Docu.emme, avremo inoltre la possibilità di “viaggiare” in terre lontane, attraverso uno dei film in rassegna, Untitled, che rappresenta una vera e propria perla del documentario oggi, omaggio a uno degli indiscussi maestri del genere, l’austriaco Michael Glawogger, scomparso durante la lavorazione del film. A novembre questi i titoli in programma: 08.11 "Untitled" di Michael Glawogger e Monika Willi, 15.11 "Voci nel tempo" di Franco Piavoli, 22.11 "Quellmalz" di Mike Ramsauer, 29.11 "Sarajevo Rewind 2014>1914" di Eric Gobetti e Simone Malavolti. Docu.emme è la Rassegna di documentari di creazione presso il Centro per la Cultura in Via Cavour 1 a Merano.


Ancora 20 giorni per richiedere l’accredito al 2° Torino Short Film Market

Fino al 20 novembre è possibile richiedere l’accredito al prossimo Torino Short Film Market, evento organizzato dal Centro Nazionale del Cortometraggio in collaborazione con il Torino Film Festival. L’accredito permette l’accesso agli spazi dove avranno luogo gli incontri e alla sala di proiezione del TSFM. Gli accreditati potranno inoltre accedere al data base di contatti dei professionisti, italiani e internazionali, che parteciperanno al market. Il prezzo dell’accredito è di € 10,00. Il Torino Short Film Market è la più importante opportunità in Italia per la vendita e lo sviluppo di corti. Quest’anno ospiterà più di 100 operatori internazionali, aprendosi anche al mercato digitale. http://tsfm.centrodelcorto.it


Adriano Zecca vince in Armenia e in Kenya

Sulla pelle dei bambini, documentario di Adriano Zecca vince il premio Speciale all'Apricot tree Film Festival Yerevan in Armenia e il Premio della giuria allo SFF Slum Film Festival 2017 di Nairobi. Con riprese girate nel corso di vari anni in nove paesi del sud del mondo, il documentario mostra la vita di bambine e bambini costretti a lavorare precocemente in attività pericolose, sottostando alle forme peggiori di sfruttamento minorile. Conosceremo così le piccole tute blu nelle officine dell'India e del Benin, i cercatori d'oro nelle miniere della Bolivia e dell'Ecuador, gli spaccapietre nelle cave del Perù, i bambini di strada nel Brasile, i raccoglitori d'immondizia nel Guatemala, gli operai delle saline in Cambogia, le prostitute nelle strade di Manila. Sono storie di povertà, di bambini e bambine che non conoscono l'infanzia; piccole esistenze a cui è negato tutto, a volte persino la vita.

https://www.unisg.it/comunicati


EuroConnection

Torna EuroConnection, il pitch forum di coproduzione europea organizzato dal più importante festival di cortometraggi del mondo: Clermont-Ferrand. Il Centro Nazionale del Cortometraggio è il referente italiano per l’iniziativa, e condurrà la selezione dei progetti attraverso un comitato di selezione di professionisti del settore. Euro Connection è una straordinaria occasione per trovare un partner europeo per la produzione di un cortometraggio. Hanno la possibilità di iscriversi le case di produzione di tutta Europa, con progetti di corti ancora da girare che abbiano già trovato un fondo di sostegno (privato o pubblico). Un board europeo selezionerà 15 tra i progetti pervenuti. I progetti finalisti verranno presentati a una platea di potenziali coproduttori, broadcaster, finanziatori pubblici nel corso del pitch che avrà luogo a Clermont-Ferrand il 6 e 7 febbraio 2018. I produttori dei progetti selezionati saranno ospiti del festival per 4 giorni. L’organizzazione contribuirà inoltre con 160€ alle loro spese di viaggio.

http://centrodelcorto.it

   

Copyright © 2000-2017  ildocumentario.it

www.reliablecounter.com
mastering dubstep