Fondato e diretto da Stefano Missio e Francesco Gottardo

  EN  |  ES  |  FR  |  RU 

Anno XV, 15 - 30 settembre 2014

Home Page | Notizie | Festival | Proiezioni | Set | Tecnica | Pubblicazioni | Formazione | Video | Archivio

 Iscriviti alla mailing list

 Nome/Nick

 Cognome

 Professione

 E-mail*

* obbligatorio

 Proiezioni
Le cose belle di Agostino Ferrente e Giovanni Piperno
Per Ulisse di Giovanni Cioni
In purgatorio di Giovanni Cioni
Francesco Guccini. La mia thule di Francesco Conversano e Nene Grignaffini
Inti-illimani, dove cantano le nuvole di Francesco Cordio
Nous/Autres di Giovanni Cioni
Lo Stato della follia di Francesco Cordio
Il cibo dell'anima di Piero Cannizzaro
Muri di Francesco Conversano e Nene Grignaffini
 Scadenze
15 settembre

Tribeca Film Festival

Torino Film Festival

30 settembre

Cinéma Du Réel

Trieste Film Festival

Mumbai International Women's Film Festival

10 ottobre

PSSST! Silent Film Festival

15 ottobre

Göteborg Film Festival

Full Frame Documentary Film Festival

La Première Fois

Docpoint - Helsinki International Documentarz Film Festival

19 ottobre

Filmer le travail

25 ottobre

World Film Festival

30 ottobre

When East Meets West

31 ottobre

FIGRA


Cosulich su Andreassi

 

Vi segnaliamo un bell'articolo di Callisto Cosulich «L’arte di Andreassi che “dipinge” la realtà» apparso sul quotidiano il Piccolo di Trieste: Il festival “I Mille Occhi”, in corso di svolgimento in questi giorni nel capoluogo giuliano, dedica infatti uno speciale approfondimento al documentarista abruzzese Andreassi, uno dei padri del documentario italiano.

http://ilpiccolo.gelocal.it/tempo-libero


Doc selezionati al Mediterraneo Video Festival

Dal 19 al 21 settembre ad Agropoli si svolge il Mediterraneo Video Festival, rassegna diretta da Maria Grazia Casu. Tutte le informazioni sulla programmazione le potete trovare sul sito del festival.

http://www.medvideofestival.net/


Quilici a Ponza riceve la cittadinanza onoraria

Il 6 settembre lo scrittore e documentarista Folco Quilici ha ricevuto la cittadinanza onoraria da parte del sindaco Piero Vigorelli. In chiusura di serata proiettato il documentario di Quilici: Oceano, l’incredibile racconto della vita di un giovane pescatore delle isole coralline del Pacifico.

http://www.latinatoday.it/eventi/fiere


Il Leone a Wiseman

Il documentarista statunitense Frederick Wiseman ha ricevuto il Leone d’oro alla carriera al festival di Venezia: l’altro premio alla carriera è stato assegnato alla montatrice  Thelma Schoonmaker. La Cerimonia di premiazione si è svolta venerdì 29 agosto alle ore 17.00 nella Sala Grande del Palazzo del Cinema con la partecipazione di Michel Piccoli.

Frederick Wiseman ha realizzato 39 documentari e 2 film di finzione: opere narrative drammatiche che cercano di ritrarre l’esperienza umana all’interno di una grande varietà di istituzioni sociali contemporanee. Tra i suoi documentari si ricordano Titicut Follies (1967), High School (1968), Law and Order (1969), Primate (1974), Welfare (1975), Meat (1976), Domestic Violence (2001).


"National Gallery" di Wiseman

Il documentarista Frederick Wiseman firma a 84 anni "National Gallery", viaggio all'interno di uno dei musei più prestigiosi del mondo. di Marco Rovaris su FareFilm.it

http://farefilm.it/visioni-e-recensioni


A Pisa un master per Film maker sui diritti umani

All’Università di Pisa è nato il master per “Film maker sui diritti umani”, un corso di 300 ore che si svolgerà tra Pisa e Buenos Aires che mira a formare persone consapevoli dell’uso dei linguaggi e delle tecnologie audiovisive. Affiancando alle lezioni storiche, filosofiche e cinematografiche specifici seminari e incontri con registi, il master offrirà agli studenti l'opportunità di confrontarsi non solo con studiosi ma anche con autori e protagonisti in campo cinematografico e audiovisivo rispetto alla trattazione dei diritti umani. In Notizie.


Media partner Guangzhou International Documentary Film Festival

Il nostro portale, il documentario.it, è media partner ufficiale del Guangzhou International Documentary Film Festival (Cina). La scadenza per partecipare alla competizione è fissata per il 30 luglio. Maggiori info sul sito.

http://www.gzdoc.com


Apollon, una fabbrica occupata

Il film di Ugo Gregoretti del 1969 prodotto dai Cinegiornali liberi è possibile vederlo integralmente su internet. Il film nasce dalla collaborazione tra un gruppo di intellettuali, coordinato da Ugo Gregoretti, e gli operai che occupano l'industria tipografica Apollon, sita sulla via Tiburtina a Roma. In forma di docu-fiction, il film ricostruisce le vicende della lunga occupazione della fabbrica, iniziata il 4 giugno 1967 e terminata nel dicembre 1968. Gli operai interpretano se stessi e vari altri ruoli (la polizia, i crumiri etc.), ma sono anche coautori del film, che non è una semplice cronaca degli avvenimenti, ma una lettura analitica della realtà della fabbrica, la storia della conquista di strumenti di lotta e democrazia, con l'indicazione di strategie di attacco al potere padronale. La storia, infatti, con un procedimento di ricostruzione narrativa, parte da molto prima, dal 1960, rievocando i primi scioperi operai, la lotta contro il padrone paternalista, la creazione di una cooperativa di consumo interna. La voce narrante di Gian Maria Volonté dà continuità al racconto e commenta i fatti. Presentato al Festival internazionale del documentario e del cortometraggio di Lipsia 1969.

http://youtu.be/DsMHZxf0o-k

 

La rubrica di Virgilio

di Virgilio Tosi

Parliamo tanto di ZA - Il film jugoslavo "RAT" (La guerra - 1960)

Un anno fa ho dedicato la puntata n. 10 di questa rubrica a Cesare Zavattini. (vedi in Archivio). La concludevo assicurando che sarei ritornato sull'argomento "Parliamo tanto di ZA", perché mi sembra giusto e doveroso di approfittare dell'amicizia e dei ricordi delle collaborazioni che ebbi la fortuna di avere con lui, per mantenere viva la memoria dell'importante contributo artistico, culturale e anche politico dell'opera di Zavattini. Siamo nel periodo della guerra fredda, l'Europa è divisa dalla "cortina di ferro". A metà del ventesimo secolo si sta ancora soffrendo e lavorando duro per richiudere le ferite provocate dalle distruzioni della seconda guerra mondiale. (...)

Critica doc

A cura di Matteo Saltalippi

Episodio I

di Renzo Martens (Olanda,2003,45”)
Quest'uomo è pazzo! E’ la prima cosa che viene in mente guardando l’inizio di “Episodio I” dell’artista e film-maker olandese Renzo Martens. Il film girato durante il secondo conflitto russo-ceceno si apre con Martens che si riprende con la telecamera, mentre cammina verso un checkpoint al confine con la Cecenia. Il regista viene bloccato immediatamente e trasportato con qualche veicolo da qualche parte per accertamenti, la telecamera rimane accesa durante il tragitto e la conversazione registrata può essere riassunta dall’ultima battuta del soldato che lo scorta: “Tu sei solo un idiota in cerca di avventura. Torna a casa, la Russia non può essere capita”. (...)

Bando CSC

La Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia – Scuola Nazionale di Cinema annuncia la pubblicazione del nuovo Bando di Selezione (2015/2017) per l’ammissione al Corso di Cinema d’Impresa. Il Bando triennale mette a concorso 16 posti per l’ammissione del Corso di Cinema d’Impresa. Il Corso si propone di selezionare e formare Autori e Produttori in grado di seguire le richieste di una committenza dal brief iniziale alla consegna del film finito, Realizzatori di Progetto competenti nel campo della regia e della produzione del documentario industriale e della Pubblicità. La scadenza per la presentazione della domanda di ammissione è fissata per lunedì 29 settembre.

http://www.fondazionecsc.it


Visioni notturne Sostenibili

Belìce/EpiCentro della Memoria Viva_CRESM quest’anno ripropone la terza edizione di Visioni notturne Sostenibili che si fa, come da progetto iniziale, “itinerante” e approda a Vita (TP). Per dare ulteriore spazio ai cineasti emergenti, offrirà la residenza di una settimana (dal 25 al 30 agosto) per produrre un breve documentario o cortometraggio sul paese ospitante e le sue memorie. Le giornate del 5 e 6 settembre sono completate dalle attività culturali ed enogastronomiche per comprendere e apprezzare al meglio le “Notti di visioni” e inoltre per offrire la possibilità di creare un piccolo itinerario turistico-culturale per promuovere il territorio differenziando le sue risorse.

visioninotturnesostenibili.wordpress.com


Nedísia, frammenti di vite non illustri, oggi

Un film a lungo meditato, il passo successivo a "Cronaca perduta", due dvd antologici estratti da trenta ore di riprese di incontri e conversazioni con ventiquattro anziani, persone dalle vite non illustri, normali, imperdibili, come tutte le nostre. La raccolta fondi collettiva e condivisa renderà possibile la realizzazione del lungometraggio "Nedísia" e permetterà di mantenere viva la progettualità e la determinazione nel costruire percorsi alternativi per realizzare quello in cui si crede. Non da soli, ma con l’aiuto di molti.

Nedísia di Paolo Comuzzi e Andrea Trangoni

http://www.indiegogo.com

https://www.facebook.com/nedisia


I Mille Occhi

L'edizione 2014 del festival “I Mille Occhi” si terrà dal 12 al 16 settembre al Teatro Miela di Trieste. Tra i film proposti, Urla mute di Alessandra Vanzi, in coregia con Alberto Grifi. Insieme agli omaggi alla Trieste cinematografica e alla produzione Titanus, la tredicesima edizione del festival esplorerà anche il cinema d'arte di Raffaele Andreassi, a cui “I Mille Occhi” dedicano una personale dei lungometraggi, e riscoprirà altre pellicole segrete, come A Question of People, realizzato per l'Onu da Roberto Rossellini.

 http://www.imilleocchi.com


Fonti audio-visive sul lavoro e sull'industria

Vi segnaliamo un interessante articolo di Letizia Cortini sulle fonti audio-visive sul lavoro e sull'industria in Italia apparso recentemente su ilmondodegliarchivi.org.

Questo lavoro è la rielaborazione e l’ampliamento di alcuni saggi precedenti su argomenti analoghi. La riflessione viene qui approfondita soprattutto per quanto riguarda la storia della rappresentazione dell’industria e del lavoro, quindi del recupero e della valorizzazione delle fonti filmiche, audiovisive e fotografiche d’impresa e del lavoro. A queste si intreccia la storia degli organismi di conservazione di questo tipo di documentazione e le politiche culturali più generali del paese. Viene evidenziata la difficoltà di collaborare e di confrontarsi sulle metodologie, nelle attività di ricerca, di diffusione ed uso delle fonti, tra istituti di conservazione le cui storie politiche, sociali e culturali sono differenti.

http://www.ilmondodegliarchivi.org

   

Copyright © 2000-2014  ildocumentario.it