Home Page | Notizie | Festival | Proiezioni | Set | Tecnica | Pubblicazioni | Formazione | Video | Archivio

Sheffield Doc Fest

 

Anche quest’anno, in occasione del 25° anniversario, lo Sheffield Doc Fest ha colorato di arancione la città. Tra il via vai degli ospiti, l’eco delle proiezioni all’aperto e il brusio nell’assolata Tudor Square, la prima sorpresa di quest’anno è stata sicuramente la presenza  del nuovo Sindaco della città:  il giovanissimo Magid Magid, 28enne rifugiato somalo, che si è offerto come cicerone per un’inedita passeggiata per la città in compagnia degli ospiti del festival. 

 

Film di apertura

“A Northern Soul”, diretto da Sean McAllister (A Syrian Love Story - 2015) ci ha portato nel cuore di Hull, cittadina dello Yorkshire, dove le aspettative di rinascita dovute all’essere diventata UK City of Culture nel 2017 si scontrano con le divisioni sulla Brexit, i tagli della spesa pubblica e una crisi economica profonda che nonostante tutto non riesce ad impedire il fiorire dei sogni dei suoi abitanti, tra cui Steve, magazziniere di giorno e hip hop performer di notte.

 

Alternate Realities

Lo Sheffield Doc Fest si conferma una delle vetrine più importanti per quanto riguarda la produzione documentaristica di “alternate realities” (VR, AR, etc).

La selezione di quest’anno è stata presentata nella Trafalgar Warehouse, un edificio industriale degli anni ’30, riqualificato come spazio per eventi. 

Di impatto l’utilizzo della seconda generazione di VR, ossia quella che permette di muoversi nello spazio virtuale. C’è da dire però che, una volta passato il momento iniziale di meraviglia dovuto al trovarsi immersi in un ambiente sconosciuto, emerge la criticità di un medium che non ha ancora trovato un proprio linguaggio e una narrativa tale da riuscire a portare in primo piano le storie piuttosto che la curiosità tecnologica.

E questo problema sembra voler essere risolto con un ulteriore salto tecnologico: la 3a generazione di VR di cui ha parlato William Uricchio (MIT Open Documentary Lab) durante la sua presentazione “Stories are changing…”. La 3a generazione di VR promette infatti l’integrazione di algoritmi e sensori che possano leggere le nostre reazioni emotive e reagire di conseguenza offrendo contenuti personalizzati. 

E’ il principio di uno storytelling basato sugli algoritmi?

Darebbe l'impressione uno scenario da relegare a un film di fantascienza se non fosse che già adesso il web è disseminato di storie, articoli e scritti creati da software come Arria, Yseop, Narrative Science e che potremmo aver incrociato senza rendercene conto.

Fantascienza o non fantascienza, la sfida sembra essere quella di come queste nuove tecnologie possano essere usate per il racconto documentaristico, tenendo presente che se l’entusiasmo del pubblico per la VR all’apparenza parrebbe un pò scemato, l’interesse dell’industria continua invece ad avanzare, tanto che in Gran Bretagna la VR si è ritagliata nicchie importanti anche nei palinsesti della BBC. 

 

Abbiamo aggiunto alcune slide della presentazione di William Uricchio nella nostra galleria fotografica su facebook con alcune curiosità tecnologiche da tenere d’occhio.

 

Italia a Sheffield 

Unico film italiano presente al Festival “The Man Who Stole Bansky”, di Marco Proserpio. Quali furono le conseguenze del viaggio di Bansky in Palestina? Tra gli effetti più inaspettati quello del tassista Walid the Beast che si lancia nel progetto imprenditoriale di rimuovere l’intero muro del murales dipinto e di venderlo all’asta. 

 

 

PREMI E VINCITORI

 

GRAND JURY AWARD

Vincitore: The Silence of Others, Almudena Carracedo, Robert Bahar

Menzione speciale: A Woman Captured, Bernadett Tuza-Ritter

 

ART DOC AWARD

Vincitore

Music When the Lights Go Out, Ismael Caneppele


THE TIM HETHERINGTON AWARD  

Vincitore: Kinshasa Makambo, Dieudo Hamadi

Vincitore

ENVIRONMENTAL AWARD
Vincitore: Wild Relatives, Jumana Manna

 

ILLUMINATE AWARD

Vincitore: América, Erick Stoll, Chase Whiteside

Menzione Speciale: Young Solitude, Claire Simon

SHORT DOC AWARD

Vincitore: Black Sheep, Ed Perkins
Menzione Speciale: 
Weltschmertz, Jesper Dalgaard

 

NEW TALENT AWARD

Vincitore: Minding the Gap, Bing Liu
Menzione Speciale: 
The Proposal, Jill Magid

 

YOUTH JURY AWARD

Vincitore: Amal, Mohamed Siam

 

DOC AUDIENCE AWARD

Vincitore: Minding the Gap, Bing Liu

 

ALTERNATE REALITIES AUDIENCE AWARD

Vincitore: Grenfell: Our Home, Jonathan Rudd

 

VIRTUAL REALITY AWARD

Vincitore: Face to Face, Michelle Gabel, Michaela Holland

Menzione Speciale: Vestige, Aaron Bradbury, Paul Mowbray


INTERACTIVE AWARD

Vincitore: The Voice of the Unicorn, Richard Butchins

Menzione Speciale: Terminal 3, Asad J. Malik

 

 

Guarda il reportage fotografico del festival: https://www.facebook.com/pg/ildocumentario

 

Torna a inizio pagina

Copyright © 2000-2018  ildocumentario.it